Repubblica Ceca

Cosa aspettarsi in un ristorante ceco: piatti tipici e prezzi

Vepřo Knedlo Zelo….quello che all’apparenza sembra uno scioglilingua è invece il nome di uno dei piatti tipici della cucina ceca ed ha inoltre un’importante funzione pedagogica poichè è formato da tre parole da assolutamente memorizzare per un’efficace lettura dei menu in quei ristoranti che servono pietanze tradizionali:

  • Vepřo: diminuitivo di vepřové maso (carne di maiale), il tipo di carne più diffusa sulle tavole ceche insieme a quella di pollo (kuřecí maso)
  • Knedlo: abbreviazione di knedliky, panetti a base di latte, farina, livieto e uova che, tagliati a fette spesse, accompagnano secondi di carne in salsa. Possono essere houskové (con l’aggiunta di pane raffermo sbriciolato), bramborové (con le patate a farla da ingrediente principale) oppure karlovarské (houskové insaporiti da noce moscata, prezzemolo e pepe)
  • Zelo: crauti (zelí), bianchi o rossi, uno dei contorni maggiormenti utilizzati in Rep.Ceca

Ma andiamo per ordine: i cechi hanno l’abitudine di cominciare i pasti con una zuppa (polevka) indipendentemente dalla stagione e se si tratta di pranzo o cena. Le zuppe più comuni sono:

  • Kuřecí o Hovězí Vyvar: rispettivamente brodo di carne di pollo o di vitello. A volte vengono anche aggiunti gnocchetti di fegato (jatrové knedličky)
  • Cesnečka: zuppa d’aglio
  • Bramboračka: zuppa di patate e funghi
  • Zelnačka: zuppa acida preparata con crauti e patate
  • Gulašová: zuppa a base di carne tritata, peperoncino dolce e patate
  • Frankfurtska: molto simile alla gulašova ma con pezzi di wurstel al posto della carne tritata
  • Kulajda: zuppa acida fatta con panna, aneto e patate su cui trona un uovo in camicia

Il pasto continua con un piatto unico, di solito a base di carne (spesso in salsa) e accompagnato da contorni (přilohy) come knedliky, zelí, frittelle di patate (bramboračky), patate arrosto, bollite o fritte, purè, riso, pasta in bianco o sottaceti. Le verdure – che siano esse insalata verde, di pomodori o cetrioli, spinaci, verdure grigliate – non figurano tra i contorni dei piatti tradizionali cechi (anche perchè non ci starebbero proprio bene) e devono essere quindi ordinate separatamente, così come il pane (chleb o pečivo), che viene di solito servito con la zuppa. Tra i capisaldi della cucina ceca tradizionale da assolutamente provare, oltre al già citato vepřo knedlo zelo, si annoverano:

  • Hověží gulaš: stufato di carne di vitello in salsa di pomodoro a cui vengono abbinati gli houskové knedliky
  • Svičkova na smetaně: filetto di manzo stufato servito con salsa a base di panna guarnita con marmellata ai mirtilli e spruzzata di panna montata
  • Vepřové koleno: stinco di maiale arrosto accompagnato da sottaceti, mostarda e salsa di rafano (křenova omačka)
  • Vepřová žebra: costole di maiale marinate con miele e salsa di pomodoro e poi passate al forno
  • Pečena kachna: anatra al forno servita con zelí rossi e bramborové knedliky
  • Moravský vrabec: simile al vepřo knedlo zelo, ovvero stufato di carne di maiale con contorno di bramborové knedliky ma con spinaci al posto degli zelí
  • Vepřový o Kuřecí Rizek: rispettivamente cotoletta impanata di maiale o pollo accompagnate da insalata russa e cetriolini sottaceto

Il pesce è molto meno diffuso rispetto alla carne ma è comunque possibile trovarlo nella maggior parte dei menu la trota (pstruh), il salmone (losos) e la carpa (kapr), quest’ultima il piatto tradizionale della vigilia di Natale.

La bevanda ideale per accompagnare un pasto tipico ceco e favorirne la digestione (la cucina tradizionale non è proprio leggera, diciamocela tutta…) è manco a dirlo la birra (pivo), una vera e propria istituzione nel paese. Oltre ad essere tra le migliori al mondo, la birra locale è spesso meno cara rispetto ad una bottiglia di acqua minerale, quindi non tirarti indietro di fronte ad una pinta o due, ne vale la pena! Chi invece preferisce bevande analcoliche può provare la Kofola, la cola ceca a base di erbe aromatiche o la malinovka, bibita al lampone dal gusto un po’ artificiale (a mio avviso), entrambe molto comuni.

Per chiudere il pasto con un tocco di dolce le opzioni non mancano, magari innaffiate con con uno shortino di slivovice, la grappa locale a base di prugne distillate:

  • Palačinky: crepes farcite con marmellata o cioccolata
  • Boruvkové knedliky: gnocchetti ripieni di marmellata di mirtilli
  • Jablečny zavin: strudel di mele
  • Medovnik: torta a strati al miele con sopra una guarnitura di noci

Mangiare fuori è molto conveniente per le nostre tasche: ecco alcuni dei prezzi che si possono trovare a Praga per un ristorante di qualità media

  • Menu del giorno (valido solo a pranzo): CZK 150-250 per zuppa + piatto unico
  • Birra alla spina da 0,5 l: CZK 30-45
  • Zuppa alla carta: CZK 35-45
  • Secondo alla carta: CZK 200-300
  • Contorni: CZK 30-50
Ecco come i camerieri tengono il conto nei piccoli-medi ristoranti cechi

Leave a Comment