Cile

10 ragioni per cui visitare il deserto di Atacama

Uno dei principali interrogativi per la maggior parte dei turisti che si recano per la prima volta in Cile con un orizzonte temporale limitato (massimo due settimane di soggiorno) è se privilegiare il nord o il sud del paese, ovvero il deserto di Atacama o la Patagonia. Se anche tu sei indeciso su quale direzione prendere, la lettura di questo decalogo ti farà magari propendere per il deserto come è successo a me.

  1. Deserto piu’ arido al mondo: a detta degli esperti, l’Atacama è 50 volte più secco della Death Valley californiana, il che è tutto dire!
  2. Atacama come Marte? molti scienziati della Nasa sono concordi nell’affermare che le condizioni climatiche ed ambientali delle regioni più estreme dell’Atacama assomiglino a quelle del pianeta rosso. Per questa ragione qui sono effettuati test e campionamenti utili a capire se su Marte esistano le condizioni per la vita
  3. Astronomia: grazie ad una serie di fattori come l’altitudine, il cielo sgombro di nuvole, le scarse precipitazioni piovose e l’assenza di inquinamento luminoso, l’Atacama presenta le condizioni ideali per l’osservazione del cielo e delle stelle. Qui si trovano infatti tre (ALMA, La Silla, Cerro Paranal) dei più importanti osservatori al mondo, aperti ai turisti in giorni ben specifici
  4. Deserto fiorito (Desierto florido): ogni cinque anni l’Atacama è teatro di questo spettacolare fenomeno, provocato da un inusuale aumento delle precipitazioni piovane che causa il dischiudersi di ampie distese di fiorellini colorati. L’ultima fioritura si è registrata nel 2017, con circa tre anni di anticipo rispetto alla tempistica abituale
  5. Valle della Luna: a pochi chilometri da San Pedro de Atacama il rosso della sabbia si mescola al marrone delle formazioni rocciose ed al bianco del sale presente nel suolo, creando lo splendido quadro naturale di questa valle incantata da cui si possono ammirare tramonti mozzafiato
    • La duna di sabbia della Valle della Luna
  6. El Tatio: uno dei più grandi campi geotermali al mondo, si trova a 4300 metri di altezza e comprende geyser e fumarole che è possibile ammirare in azione soprattutto alle prime luci dell’alba quando il contrasto tra l’acqua calda spruzzata (circa 85°) e le temperature di quell’ora (tra i -5/-10°) è maggiormente visibile
  7. Farsi un bagno nelle piscine termali di Puritama e del Tatio: le loro acque ricche di minerali sono un vero e proprio toccasana per rilassarsi dopo le escursioni nel deserto oppure per sfuggire al freddo pungente delle prime ore del mattino
  8. Salar de Atacama: grande bacino di acqua salmastra coperto da un manto superficiale salino in cui si aprono piccole lagune (ojos in spagnolo) dalle acque turchesi. Una curiosità: a causa del sale, l’aria è molto secca e la visibilità accentuata, per cui si possono avvertire fenomeni di distorsione della distanza
  9. Avvistare gli animali autoctoni quali il nandù (lo struzzo sudamericano), il culpeo (un canide spesso definito come volpe ma imparentato maggiormente con lupi e sciacalli), la viscaccia (un piccolo roditore delle Ande) e la vigogna, un camelide selvatico appartenente alla famiglia che raggruppa lama, alpaca e guanaco
  10. Visitare pueblos quali San Pedro de Atacama, Socaire, Toconao e Machuca

Non c’è modo migliore per scoprire l’Atacama che effettuare escursioni giornaliere da San Pedro utilizzando tour operator locali: trovare quello giusto non è però facile; prezzi ed escursioni in vendita sono infatti molto simili. Io mi son trovato bene con Vive Atacama, con cui ho visitato:

  • Valle della Luna (partenza ore 16 e rientro ore 20): CLP 16 000 ≅ € 18 per persona,
  • Salar de Atacama, Laguna Chaxa, Socaire, Lagunas Altiplanicas, Toconao (partenza ore 7 e rientro ore 17): CLP 45 000 ≅ € 52 per persona con colazione e pranzo inclusi
  • Geyser Tatio (partenza ore 5 e rientro ore 12): CLP 22 000 ≅ € 25 per persona con colazione inclusa,

Un ultimo consiglio: portati dietro un cappello e crema solare ad alto fattore protettivo perchè l’indice UV raggiunge picchi altissimi qui!

Leave a Comment