Sri Lanka

Le 10 esperienze da assolutamente fare in Sri Lanka: prima parte

Chiudi gli occhi ed immagina un Eden fatto di foreste rigogliose, fiori colorati, cime brumose e lunghe spiagge che racchiudono rovine di antiche civilizzazioni. Benvenuto in Sri Lanka, l’isola in cui varietà paesaggisticapatrimonio culturale e tradizioni ancestrali vanno a braccetto. Ecco la mia personale lista di 10 esperienze da non perdere per sfruttare al meglio questo ricco mix:

1) VISITARE LE CITTÀ ANTICHE (Sigiriya, Polonnaruwa, Anurandhapura, Dambulla, Kandy): templi buddisti, dipinti rupestri, rovine di palazzi, statue di Buddha scolpite sulla roccia sono alcuni dei tesori lasciati circa 2000 anni fa dalle antiche dinastie cingalesi in quelle che erano le capitali dei loro regni. Tutte e cinque appartenenti al patrimonio mondiale dell’Unesco, queste città formano il cosidetto Triangolo Culturale, il paradiso archeologico dell’isola e tappa irrinunciabile di qualsiasi itinerario, di cui parlo in dettaglio qui. Per noi, che le abbiamo visitate tutte ad eccezione di Anurandhapura, sono state l’esperienza più bella dell’intero viaggio.

2) VISITARE UNO STABILIMENTO DI LAVORAZIONE DEL TÈ: prima dell’avvento dei colonizzatori britannici, la provincia centrale dello Sri Lanka era ricoperta da una fitta jungla che fu progressivamente abbattutta per fare spazio alle piantagioni di tè, prodotto che da allora è diventato una delle principali esportazioni del paese (lo Sri Lanka ne è oggi il quarto produttore mondiale) e la cui coltivazione ha modellato il paesaggio con le caratteristiche terrazze. Di stabilimenti di lavorazione del tè, che spesso risalgono al periodo coloniale, ce ne sono molti nella zona di Nuwara Eliya, Ella ed Haputale, quindi fatti consigliare dal tuo autista. La visita – in cui vengono spiegati i metodi di raccolta e di lavorazione – è di solito gratuita ed include anche una degustazione dei differenti tipi di tè prodotti, da quello nero a quello bianco passando per il verde, che poi potranno essere acquistati in loco.

3) PRENDERE IL TRENO: per quanto lento, affollato e spesso in ritardo sia, il treno resta tuttavia un’esperienza imperdibile, soprattutto nella famosa tratta Kandy-Ella in cui potrai quasi toccare con mano le distese verdeggianti delle piantagioni di tè punteggiate dai sari colorati e dalle ceste di vimini delle raccoglitrici delle preziose foglioline. Dal costo irrisorio per le nostre tasche, il treno ti permetterà inoltre di condividere un’esperienza di viaggio con gli abitanti del posto e di degustare alcune delle specialità di street food locale (come le frittelle salate, le noccioline tostate o il rollè di cocco rapè colorato) rigorosamente imballate in fogli di giornale o pagine di quaderno e vendute dagli ambulanti che salgono ad ogni fermata.

4) OZIARE IN SPIAGGIA: qualunque sia il tuo itinerario, sono sicuro che non ti farai mancare qualche giorno in riva alle calde acque dell’Oceano Indiano. Grazie ai 1600 km di costa di cui dispone lo Sri Lanka, di spiagge c’è l’imbarazzo della scelta: da quelle più turistiche del litorale meridionale (Tangalla, Unawatuna, Hiriketiya, Weligama) e occidentale (Bentota, Hikkaduwa) a quelle più selvagge della costa orientale (Nilaveli, Uppuveli, Arugam Bay) e settentrionale (zona di Jaffna). Il comune denominatore è la fine sabbia bianca su sfondo di palme che ondeggiano al ritmo della calda brezza marina. Noi abbiamo trascorso un giorno e mezzo a Nilaveli e di turisti ce ne erano sì e no una trentina sparsi su un paio di kilometri di spiaggia, quindi è come se avessimo avuto il nostro angolo di paradiso privato.

5) FARSI FARE UN MASSAGGIO AYURVEDA: lo Sri Lanka è una delle migliori destinazioni per gli amanti di questo metodo di medicina tradizionale secondo cui il benessere del corpo e della mente sono regolati dall’equilibrio delle tre forze vitali (dosha). L’ayurveda aiuta quindi a prevenire e combattare lo squilibrio delle dosha attraverso massaggi, rimedi naturali a base di erbe, tecniche di rilassamento e la pratica dello yoga. Sull’isola ci sono numerosi centri di trattamento specializzati in cui potrai sperimentare queste tecniche millenarie tra una visita e l’altra.

Per il proseguio dell’articolo, clicca qui.

Leave a Comment