Kazakistan

Non solo Tamgaly e canyon Charyn: cos’altro vedere nelle vicinanze di Almaty

Oltre ad essere idealmente situata nei pressi della frontiera kirghiza, Almaty offre innumerevoli possibilità di escursioni per gli amanti della natura. Il sud-est del Kazakistan si differenzia infatti dal resto del paese (dove la steppa la fa da padrone) per la ricchezza dei suoi paesaggi: si passa infatti da deserti aridi a laghi turchesi, da canyon panoramici a valli lussureggianti, da montagne innevate a dune di sabbia.

Oltre ai petroglifici di Tamgaly e al canyon di Charyn (approfondimento qui), ecco una lista di cosa poter visitare nei dintorni dell’ex capitale kazaka:

Lago di Kaindy
Situato a circa 2000 metri di altezza ed accessibile solo in 4x4, questo lago si è formato nel 1911 a seguito di un terremoto che creò una diga naturale in una zona ricoperta da abeti. L'acqua è talmente cristallina che si possono vedere i tronchi sommersi, ancora in perfetto stato di conservazione: le loro parti emerse sembrano invece alberi di navi affondate. I subacquei adorano Kaindy, nonostante la temperatura dell'acqua non superi i 6 gradi nemmeno d'estate. A circa 30 km Kaindy si trovano i tre laghi Kolsai, maggiormente conosciuti rispetto a quest'ultimo forse perchè di più facile accesso. Anch'essi si caratterizzano per la trasparenza delle proprie acque, in cui, quando c'é il sole, è possibile vedere il riflesso delle foreste e delle cime innevate circostanti
Posizione geografica330 km ad est di Almaty, circa sei ore di macchina
Parco nazionale Ile Alatau
Si estende su una superficie di circa 200 000 ettari e racchiude:
Medeu: ritenuto il più grande palaghiaccio all'aperto al mondo. Situata ad un'altezza di 1691 metri, questa struttura è una delle principali attrazioni turistiche del paese ed è aperta al pubblico tutto l'anno sia di giorno che di sera.
Shymbulak: la stazione sciistica più estesa dell'Asia centrale, rinomata per il clima mite e le grandi quantità di neve durante il periodo invernale
Il grande lago di Almaty: trattasi di un bacino idrico situato ad un'altezza di 2500 metri che rifornisce Almaty di acqua potabile. Inaccessibile ai turisti, vale comunque la pena vederlo dalla strada per ammirare le maestose cime circostanti ed i colori cangianti dell'acqua, che passano dal verde smeraldo al blu turchese a seconda delle condizioni atmosferiche
Posizione geografica40 km a sud di Almaty, circa un'ora di macchina
Parco nazionale Altyn-Emel
Al suo interno spiccano:
- la Singing Dune, una duna dalla sabbia finissima, alta 120 metri e lunga 3 km, che “si mette a cantare“ in caso di vento ed il cui suono ricorda quello di un organo
- una foresta di pioppi Turanga, endemica delle steppe del Kazakistan
Anche qua come a Tamgaly si possono ammirare petroglifi e tumuli funerari (kurgan)
Posizione geografica250 km a nord-est di Almaty, circa quattro ore e mezza di macchina
Lago Issyk
Da non confondere con l'omonimo kirghizo, si trova ad un'altezza di 1700 metri ed è noto per le sfumature blu delle sue acque. A circa 30 km da esso si trova la Gola di Turgen, rinomata per le sue cascate, sorgenti termali e foreste di conifere
Posizione geografica40 km ad est di Almaty, un'oretta circa in macchina
Altopiano di Assy
Luogo di pascolo estivo tradizionale per le popolazioni nomadiche del Kazakistan, si caratterizza per la presenza di antichi tumuli funerari, di petroglifi e di un osservatorio astronomico
Posizione geografica100 km ad est di Almaty, circa due ore di macchina

Il modo migliore per raggiungere queste località è in auto. Nonostante le strade siano in buone condizioni e poco trafficate ad eccezione delle arterie in entrata/uscita da Almaty, sconsiglio il noleggio auto per tre ragioni

  1. Forte presenza di pattuglie di polizia munite di radar mobili
  2. Assenza di segnaletica in caratteri latini all’interno di Almaty
  3. Problemi di comunicazione qualora non si conoscesse il russo

e suggerisco invece tre opzioni alternative:

  1. Noleggio auto con conducente (come ho fatto io) per l’intero periodo di soggiorno in Kazakistan
  2. Noleggio taxi per l’intera giornata (il prezzo dovrà essere concordato in anticipo)
  3. Organizzazione di escursioni tramite il proprio hotel

Raggiungere questi luoghi con i trasporti pubblici o i taxi collettivi (marshutka) è possibile ma molto dispendioso a livello di tempo. Se il tempo di percorrenza supera le quattro ore per la sola andata, suggerisco di trascorrere una notte nei pressi del luogo che si intende visitare.

Leave a Comment