Stati Uniti

Cosa fare ad Atlanta, la città della Coca Cola e di Martin Luther King

Ricordo ancora con emozione la trepidazione e l’ansia delle ore precedenti la mia partenza per Atlanta, il mio primo viaggio oltreoceano nel maggio 2009. Immagino che ti starai già chiedendo come mai ho scelto Atlanta, non proprio una delle destinazioni turistiche più ambite degli Stati Uniti, per il mio battesimo intercontinentale….

Ebbene, in quel periodo, essendo ancora uno studente, le mie scelte non erano dettate solo dalla curiosità ma anche dalla disponibilità di amici che potessero ospitarmi, riducendo così le spese di viaggio. Ad Atlanta si trovava infatti la mia compagna di università e cara amica Emeline per un periodo di stage in impresa, che io stavo invece effettuando a Southend on Sea nel Regno Unito. Colsi quindi la palla al balzo e ne approfittai per vivere il mio primo sogno americano in una città dal forte carattere industriale (ad Atlanta hanno il proprio quartiere generale multinazionali come Coca Cola, UPS, CNN, Delta Airlines, AT&T etc..) e con uno degli aeroporti (Hartsfield-Jackson) più trafficati al mondo.

Atlanta è salita alla ribalta delle cronache internazionali grazie ai Giochi Olimpici del 1996 che hanno avuto una ricaduta positiva sull’intera città portando ad un rinnovamento dei parchi, delle infrastrutture sportive e di trasporto. Come si può vedere sulla mappa qui sotto, i principali luoghi di interesse culturale di Atlanta si trovano intorno al Centennial Olympic Park (inaugurato proprio per le olimpiadi), le cui peculiarità sono le Fountain Rings – getti d’acqua che fuoriscono ad intervalli regolari da fori posti sul pavimento raffigurante i cerchi olimpici – ed i mattoncini a carattere personalizzato (che chiunque poteva comprare per 35 USD cadauno) che formano i vialetti del parco e che hanno servito a finanziare la sua costruzione.

Il comodo Atlanta city pass mi ha permesso di visitare le cinque attrazioni qui sotto, ad un prezzo totale di 75 USD:

  1. Acquario della Georgia: un must per gli appassionati di mare. L’acquario dispone di numerose vasche rappresentanti vari ecosistemi marini, tra cui spicca la Ocean Voyager, la vasca più capiente al mondo, sotto cui si passa mediante un tunnel. Le star della struttura sono i beluga e gli squali balena.
  2. World of Coca Cola: la bevanda più diffusa al mondo è stata inventata proprio qui ad Atlanta dal farmacista Pemberton. Il museo ripercorre la sua storia,  passa in rassegna le varie strategie marketing del gruppo e termina con una libera degustazione di circa 60 bibite appartenti a Coca Cola e suddivise per continente.
  3. CNN Studio Tours: grazie al tour si può esplorare il dietro le quinte degli studi televisivi della famosa emittente americana
  4. Zoo di Atlanta, famoso per la sua colonia di panda giganti OPPURE il Center for Civil and Human Rights, museo dedicato al movimento per i diritti degli afroamericani (1954-1968), il cui leader era Martin Luther King, originario di Atlanta
  5. Museo di Storia Naturale Fernbank OPPURE il College Football Hall, museo dedicato al football americano praticato nelle università:

  • Vista sul Centennial Olympic Park

La mia scorpacciata culturale ha inoltre incluso:

  • Il giardino botanico, situato ai piedi di Piedmont park, si estende su 12 ettari e racchiude giardini a tema, un percorso sospeso tra gli alberi ed esposizione temporanee, tra cui l’Imaginary World con le sue sculture vegetali giganti
  • lo High Museum of Art, uno dei principali musei d’arte degli Stati Uniti, racchiude circa 15 000 opere d’arte suddivise in arte europea, americana, africana, contemporanea, decorativa, fotografia
  • il Martin Luther King National Historic Park, sito storico che include numerosi luoghi – tra cui un museo, la casa dove Martin Luther King ha trascorso la sua infanzia e la chiesa battista Ebenezer dove è stato pastore – fondamentali per capire il suo ruolo come leader del movimento per i diritti degli afroamericani

Seppur Atlanta non presenti un patrimonio architettonico di rilievo, è facile trovare qualcosa da fare in città, tra musei e attività culturali varie, parchi (il soprannome di Atlanta è the city in a forest per l’abbondante numero di alberi) e gli immancabili centri commerciali, che contribuiscono a renderla – sorprendentemente per chi non la conosce – una delle città più visitate degli Stati Uniti.

 

Leave a Comment