Sudafrica

Cosa vedere tra Città del Capo e dintorni: il mio itinerario di 10 giorni con auto a noleggio

Per me che di solito faccio ricerche approfondite sul paese di destinazione prima delle prenotazione dei voli, l’aver appreso ad un mese dalla partenza, al momento dell’effettiva preparazione dell’itinerario, che per noleggiare un auto in Sudafrica può venir richiesta la patente di guida internazionale (International Driving License, IDL) o in alternativa il permesso internazionale di guida (International Driving Permit, IDP) è stato il classico fulmine a ciel sereno.

Tuttavia, essendo l’informazione letta su Viaggiare Sicuri (clicca qui e scorri sino alla sezione mobilità) in contraddizione con i racconti di amici e conoscenti che non avevano avuto problemi ad affittare auto in Sudafrica con la patente di guida italiana, mi sono messo a tempestare di email tutti gli autonoleggio (internazionali e non) di Città del Capo per sapere di quale documento avessero avuto realmente bisogno. Se infatti avessero effettivamente confermato l’indispensabilità dell’IDL o dell’IDP, avrei dovuto a quel punto rinunciare al road trip preventivato perchè non avrei avuto abbastanza tempo per l’ottenzione di uno di essi.

L’unica compagnia ad aver dato parere positivo alla mia richiesta di noleggio con la sola patente italiana è stata Around About Cars, la quale mi ha però imposto una restrizione chilometrica, in quanto sarei stato autorizzato a spostarmi solo all’interno di un raggio di 100 km da Città del Capo.  Per questa ragione ho dovuto abbandonare il progetto di percorrere la Garden Route (il cui punto di partenza, Mossel Bay, si trova infatti a 385 km da Città del Capo), concentrandomi su un perimetro più circoscritto rispetto ai road trip fatti in precedenza.

Ripensandoci a mente fredda, non tutto il male è venuto per nuocere, in quanto 10 giorni sarebbero sì stati sufficienti per un itinerario Città del Capo-Mossel Bay-Storms River-Città del Capo (1170 km in totale) ma trascurando due elementi senza i quali a mio avviso il viaggio a Città del Capo perde gran parte del suo significato:

1) L’ASPETTO STORICO-CULTURALE: Città del Capo è un crogiulo di origini e religioni che è doveroso conoscere meglio tramite alcuni interessanti musei, come ad esempio il Museo Ebraico e quello di Bo-Kaap. La città, come d’altronde tutto il paese, ha inoltre vissuto eventi drammatici come l’apartheid che hanno lasciato strascichi tuttora visibili nel tessuto urbano. Spostandosi di quartiere in quartiere, ci si rende immediatamente conto delle grandi diseguaglianze e contraddizioni di Città del Capo: da un lato lussuose ville in compound sorvegliati da guardie armate in aree come Camps Bay a forte concentrazione di popolazione bianca, dall’altro, a solo 20 km di distanza, le township (Langa, Khayelitsha, Nyanga, Gugulethu etc…) in cui vive la maggior parte della popolazione di colore senza accesso all’acqua potabile o ai servizi igienici basilari. Visitando la prigione di Robben Island (dove Mandela è stato incarcerato per 18 anni) e il museo District Six ci si immerge in quel background necessario a capire le problematiche con cui il Sudafrica ha dovuto combattere e con cui è ancora alle prese.

2)L’ASPETTO PAESAGGISTICO: non c’è bisogno di fare centinaia di chilometri, i dintorni di Città del Capo sono disseminati di siti naturali mozzafiato come ad esempio la celeberrima Table Mountain, i giardini botanici di Kirstenbosch e il Capo di Buona Speranza. Andando nell’entroterra verso Stellenbosch (la capitale della regione vinicola) e Franschhoek si può invece ammirare un’altra faccia della regione, in cui spiccano vigneti a perdita d’occhio disposti con cura su colline ondulate.

In conclusione, la mia esperienza personale mi porta a dire che i luoghi di interesse in un raggio di 100 km da Città del Capo sono più che sufficienti per un road trip di 10 giorni.

ITINERARIO
Periodo di visita:
aprile 2016
Numero di partecipanti: 2
GIORNO
PROGRAMMA
MEZZO
PERNOTTAMENTO
1
Arrivo all’aeroporto di Città del Capo in tarda mattinata. Passeggiata nei quartieri De Waterkant e Waterfront
Autobus MyCiTi
Città del Capo (hotel)
2
Fortezza, Museo District Six, National Gallery
Autobus MyCiTi
Città del Capo (hotel)
3
Camps Bay, Table Mountain, Clifton
Autobus MyCiTi
Città del Capo (hotel)
4
Robben Island, Bo-Kaap e l'omonimo museo
Autobus MyCiTi
Città del Capo (hotel)
5
Museo Ebraico, Giardini botanici di Kirstenbosch
Auto a noleggio
(Chevrolet Spark)
Hout Bay
(guesthouse)
6
Hout Bay, Chapman's Peak Drive, Capo di Buona Speranza, Boulder’s Bay, Simon’s Town
Auto a noleggio
Sir Lowri's pass (guesthouse)
7
Visita guidata delle township
Auto a noleggio
Hermanus
(guesthouse)
8
Hermanus
Auto a noleggio
Franschoek (guesthouse)
9
Franschhoek: città+museo degli Ugonotti
Auto a noleggio
Stellenbosch
(azienda vinicola)
10
Stellenbosch: città+Village Museum. Partenza dall'aeroporto di Città del Capo in tarda serata
Auto a noleggio
VOLIPraga-Londra-Città del Capo (British Airways)
COSTO PERNOTTAMENTI€ 68 di media a notte per una doppia con colazione inclusa
COSTO NOLEGGIO AUTO€ 20 al giorno escludendo l'assicurazione

  • Città del Capo vista da Table Mountain

Leave a Comment

Comments (1)