Georgia

Come spostarsi in Georgia: auto a noleggio, taxi collettivi e privati

A seconda di fattori quali la durata del soggiorno nel paese, il budget, l’itinerario previsto ed il numero di viaggiatori, i mezzi di trasporto tra cui si può scegliere per muoversi in Georgia sono:

  • auto a noleggio: per andare sul sicuro conviene affidarsi alle principali compagnie di autonoleggio internazionali, che dispongono di uffici sia all’aeroporto di Tbilisi che in città. La patente di guida internazionale non è necessaria per il noleggio
  • auto a noleggio con autista: opzione da non trascurare per chi non si sente a suo agio su strade che presentano rischi ed incognite maggiori rispetto a quelle nostrane. Tuttavia, il prezzo finale è ben più alto rispetto al noleggio tradizionale a causa delle spese relative all’autista (pernottamenti, pasti ed eventuali mance)
  • taxi collettivi (marshrutka): molto diffusi tra gli abitanti del posto, ti porteranno ovunque e saranno più economici, seppur più lenti, dell’auto a noleggio o del taxi privato.
  • taxi privati: affittarne uno per la giornata è una soluzione a prezzo ragionevole (mettiti sempre d’accordo sul prezzo finale prima di salire onde evitare fregature) se intendi fare escursioni giornaliere con partenza e rientro a Tbilisi 
  • treno: pur essendo abbastanza capillare ed estesa, la rete ferroviaria georgiana non raggiunge alcune delle principali località turistiche del paese come Vardzia, la regione della Cachezia oppure Stepantsminda

  • Mucca a spasso sulla strada militare georgiana

Avendo alla fine deciso di includere anche l’Armenia nel mio itinerario, non mi sono potuto esimere dalla soluzione più immediata, ovvero il noleggio di un auto (il Suzuki Jimny sull’immagine di copertina) che avrei io stesso guidato nonostante nutrissi qualche dubbio su come mi sarei adattato allo stile di guida locale. Su tutti i forum di viaggio i conducenti georgiani venivano infatti descritti come spericolati ed irrispettosi delle regole, quindi mi ero fatto un’opinione che poi all’atto pratico si è rivelata esagerata ma non del tutto priva di fondamento. Durante il viaggio ho effettivamente avuto a che fare con alcuni guidatori un po’aggressivi, ma poichè il traffico è quasi inesistente ad eccezione di Tbilisi e la velocità ridotta a causa delle condizioni del manto stradale, ci si dovrà concentrare principalmente sul proprio comportamento di guida piuttosto che su quello altrui.

CONSIGLI PER UNA GUIDA SICURA IN GEORGIA
Il manto stradale è spesso dissestato, quindi è preferibile noleggiare un fuoristrada o una qualsiasi auto che abbia un pianale rialzato
Guida a velocità moderata per fronteggiare imprevisti come mucche a zonzo per la strada (evita di suonare il clacson per farle spostare) o lavoratori impegnati in opere di manutenzione stradale
Fai lo slalom tra le buche non esitando ad invadere la corsia opposta qualora non sopraggiungessero altri veicoli
Conformati allo stile di guida locale nei trafficati incroci in entrata ed uscita da Tbilisi
Procedi a passo d'uomo nelle buie e strette gallerie sulla strada militare georgiana (Military Highway)
Attenzione ai camion sulle tortuose strade di montagna
Il rischio di forature è concreto, ma se ti capitasse non farti prendere dal panico poichè troverai ovunque una piccola officina che ti sostituirà la gomma
Evita di guidare con il buio

Leave a Comment

Comments (1)