Lettonia

I luoghi più suggestivi della Lettonia: Rundale, Riga, Jurmala e Turaida

Destinazione fuori dai circuiti turistici più battuti, la Lettonia non è uno di quei paesi che fanno sognare: tuttavia i luoghi di interesse non mancano anche se, ad eccezione della capitale Riga, sono poco conosciuti. Ecco una mia personale lista di località suscettibili di attirare il vostro interesse nei confronti di una nazione tutta da scoprire:

1) PALAZZO BAROCCO di RUNDALE: situato nella campagna vicino Bauska, è soprannominato la Versailles della Lettonia. Costruito tra il 1736 e il 1768 ed utilizzato a vari fini (ospedale, scuola e residenza di veterani etc..) nel corso dei secoli, il palazzo annovera oggi – dopo un lungo restauro terminato nel 2015 – un giardino francese ben curato stanze riccamente decorate con alcuni elementi risalenti al periodo di costruzione.

2) RIGA: una delle principali città della Lega Anseatica, Riga divenne un importante centro commerciale nel XIX secolo. In questo periodo furono gettate le basi di una riforma urbanistica che portò alla costruzione di numerosi palazzi in stile Art Nouveau, che tuttora costituiscono circa un terzo degli edifici della capitale. Ciò le è valso il riconoscimento di città con la più alta concentrazione di Art Nouveau al mondo ed il conseguente inserimento nel patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco.

3) JURMALA: popolare stazione balneare al tempo del Comunismo e tuttora discretamente frequentata, si contraddistingue per la presenza di circa 400 case in legno risalenti al XIX e XX secolo, alcune delle quali riconvertite in lussuose ville appartenenti a magnati russi.

4) CASTELLO di TURAIDA (immagine  di copertina): situato nel Parco Nazionale del Gauja e recentemente ricostruito, è l’elemento cardine dell’omonimo museo riserva che include inoltre un museo etnografico e la tomba della Rosa di Turaida, dedicata ad una ragazza locale (Rosa appunto) uccisa secondo la leggenda da un aristocratico polacco che si era invaghito di lei ma il cui amore non era corrisposto.

 

Leave a Comment

Comments (1)