Cuba

Cibo a Cuba: cucina creola, paladar, casa particular

Il periodo speciale (periodo especial) e le conseguenti rigide misure di austerità annunciate da Fidel Castro nel 1991 a seguito della caduta dell’Unione Sovietica rafforzarono il razionamento del cibo e resero la carenza di generi alimentari parte della vita quotidiana dei cubani. Questo periodo ha lasciato una grande impronta sulla cucina cubana, influenzando negativamente quella che era sempre stata una ricca tradizione culinaria.

La cucina cubana è infatti un mix di ingredienti e ricette trasmesse da tutti i popoli che hanno vissuto sull’isola: dai Taino – la popolazione autoctona – ai coloni spagnoli, dagli schiavi africani ai vicini caraibici.

Esempio tipico di cucina creola: carne di maiale, fagioli, avocado, platani fritti

Questa miscela ha dato vita alla cucina creola (cocina criolla) il cui piatto principale è quello che probabilmente troverai nel menu ovunque mangerai, che sia al paladar o in casa particular: carne di maiale o di pollo, tostones (platani fritti), moros y cristianos (riso con fagioli neri), avocado.

Il pesce (specialmente il dentice nella mia esperienza) è un’alternativa alla carne.

Un punto di svolta per il settore alimentare cubano è stata la riforma economica del 2011 che ha permesso ai ristoranti privati (paladar), fino ad allora limitati a 12 persone, di ingrandirsi.

Ciò ha portato ad una crescita del numero di paladar, nonchè ad un miglioramento generale della qualità e del servizio. Le differenze tra ristoranti private e statali si sono quindi accentuate notevolmente a seguito di questa riforma.

A causa del fatto che molti cubani hanno ancora come unica fonte di sostentamento le razioni fornite dal governo o hanno un reddito molto basso, la scelta nei negozi alimentari locali è limitata. Da quello che ho visto, gli scaffali sono solitamente vuoti e solo una o due marche per famiglia di prodotti sono disponibili.

I piatti nazionali di Cuba sono il maiale intero arrostito (come nell’immagine di copertina, scattata a Vinales …. ancora ci penso… avevo appena pranzato quando ho visto il carretto…che peccato!), ropa vieja (carne di manzo speziata), moros y cristianos e tostones.

Il Paladar Don Higinio dove abbiamo pranzato il primo giorno all’Avana

Fascia di prezzo per persona:

Colazione in casa particular: 5 CUC – consiste generalmente in un quintetto di frutta tropicale fresca (mango, papaya, ananas, guava, banana), caffè nero zuccherato, succo di frutta fresca, frittelle e frittata/omelette.

Cena (zuppa + piatto principale) in casa particular: 10 CUC bevande escluse, che puoi acquistare dal proprietario o mettere in tavola da solo. Le porzioni sono generalmente abbondanti, quindi volendo si può anche ordinare un piatto per due.

Piatto principale al paladar: tra 10 e 15 CUC

Colazioni e cene in casa particular sono tra i migliori ricordi che abbiamo di Cuba, non solo perchè il cibo proposto non ha nulla da invidiare ai paladar, ma perchè ci hanno permesso di discutere con i proprietari e di comprendere meglio la vita a Cuba.

L’abbondante cena (zuppa di fagioli, pesce, riso e avocado) alla casa particular di Vinales

Leave a Comment